Il caffè: simbolo della socialità italiana – B1

“Per me un caffè”
“Buongiorno, vorrei un caffè”
“Prendo un macchiato, grazie!”

Quante volte vi è capitato di sentire queste frasi? Nei film, ad esempio. O direttamente nei bar, se avete avuto l’occasione di trascorrere in Italia una vacanza o un viaggio di qualche tipo.

Il caffè è sempre stato uno dei principali simboli dell’Italia e dell’italiano. La famosa ‘na tazzulella ‘e café celebre canzone napoletana e jingle di una ancora più famosa pubblicità. Le mille varianti milanesi: macchiato freddo, macchiato caldo, marocchino, decaffeinato, ginseng, mocaccino, ristretto, lungo, doppio, corretto, americano schiumato, in tazza piccola, in tazza grande e chi più ne ha più ne metta.

Ma il caffè non è solo un simbolo del “mangiare all’italiana”, come la pizza, la pasta, il limoncello e il buon vino.

La “pausa caffè” è un vero e proprio evento sociale in Italia. Un momento in cui i colleghi si trovano insieme per fare una pausa e chiacchierare del più e del meno, o in cui due o più amici, che magari non si vedono da tempo, trovano un’occasione semplicemente per passare 5 minuti insieme.

Pensate che, addirittura, Un giorno di questi ci prendiamo un caffè insieme?” è una delle classiche “scuse” per chiedere a una ragazza di uscire senza esporsi troppo 😊

Insomma, il caffè è molto più di quello che pensate e ne capirete l’importanza sociale quando riuscirete ad immergervi completamente nella cultura italiana.

Anche i numeri ce lo dicono! Sembra infatti che gli italiani bevano all’anno il quantitativo di sei miliardi di caffè (praticamente 5 o 6 kg di caffè A TESTA!!!) e che, secondo uno studio condotto dall’Università di Copenhagen, la “pausa caffè” favorisca a creare un’atmosfera di socializzazione e positività.

Insomma, come simbolo di socialità il caffè sarà un ingrediente fondamentale per la vostra esperienza italiana.


SCOPRI CHI SIAMO
DA(V)VERO ITALIANO

CONDIVIDI!



Le 5 Terre: un paradiso nella costiera ligure – B1

Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. Conosciuti praticamente da tutti, sono le Cinque Terre, un paradiso naturale nell’area mediterranea della costiera ligure. Si tratta di cinque borghi marinari, noti come una delle più importanti e apprezzate località turistiche d’Italia.

Le Cinque Terre

Posti vicino alla città di La Spezia e facilmente raggiungibili in treno, questi cinque borghi sono caratterizzati da mare cristallino, spiagge e coste frastagliate e sono collegati tra loro da una rete di bellissimi sentieri.

Inserite nel 1997 nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco, le Cinque Terre meritano sicuramente una visita in quanto rappresentano il posto perfetto per una vacanza “all’italiana”.


SCOPRI CHI SIAMO

DA(V)VERO ITALIANO


Ma perché le Cinque Terre meritano il titolo di “paradiso naturale“?
Ecco 5 curiosità su questo magnifico posto, una per ogni Terra:

1
Un tempo le Cinque Terre erano completamente isolate dal resto del mondo ed erano raggiungibili solo via mare. La parola “terre”, infatti, nel dialetto ligure, viene utilizzata per indicare qualcosa di isolato e distaccato dalla realtà.

2
In questi borghi marinari è d’obbligo assaggiare alcuni piatti tipici della cucina ligure: un bel piatto di trofie al pesto, la Cima oppure il Prebuggiun (una zuppa tipica della Liguria). E non dimentichiamo di gustare le acciughe, pesce azzurro tipico di queste terre: se volete assaggiarle però ricordatevi di chiamarle con il loro vero nome ligure, ovvero “arbanelle”

3
Le Cinque Terre hanno conservato un vero e proprio spirito campanilistico: ognuna ha il suo dialetto, le proprie ricette e un santo patrono diverso. Scoprili tutti!

4
L’unica delle Cinque Terre che non si affaccia sul mare è Corniglia, che è anche la terra più piccola: essa infatti è arroccata sulla cima di una scogliera di 100 metri ed è sicuramente il borgo più isolato e meno turistico, ma probabilmente il più bello.

5
Il Parco nazionale delle Cinque Terre ha redatto l’elenco completo delle specie vegetali presenti nel suo territorio: compaiono 618 specie, cioè 1/10 circa dell’intera flora nazionale e 1/5 di quella regionale

Se ti è venuta voglia di una vacanza in un paradiso naturale, dai un’occhiata here per tutti gli itinerari naturali delle Cinque Terre. E per continuare a esplorare l’Italia, non perderti i prossimi articoli del nostro blog Dav(v)ero Italiano!