Le fotografe italiane: Letizia Battaglia – A2

Letizia Battaglia è la più famosa fotografa e reporter italiana. Nasce nel 1935 a Palermo, in Sicilia, dove vive ancora oggi. È molto conosciuta per i suoi reportage sulle vittime della mafia e sui quartieri poveri della sua città.

Nel 1969 comincia a lavorare come fotografa per il giornale L’Ora (oggi diventato IL GIORNALE). Nel 1980 diventa famosa in tutto il mondo per la foto di una bambina con in mano un pallone. La foto è in bianco e nero, e la bambina è al centro dell’immagine e guarda direttamente in camera.

Il bianco e nero sarà una scelta che caratterizzerà tutta la sua produzione.

Nel 1992 la mafia uccide il giudice antimafia Giovanni Falcone. A questo punto Letizia Battaglia lascia per qualche anno la fotografia, perché non può più vivere e vedere tanta violenza.
Negli anni 2000 torna alla fotografia, ma nel 2003 lascia l’Italia e va a vivere a Parigi. Ci resta però solo due anni: nel 2005, infatti, ritorna a Palermo perché, dice, “La mia vita è in Sicilia”. E proprio a Palermo nel 2017 fonda il Centro Internazionale di Fotografia, a metà fra la il museo e la scuola di fotografia.


SCOPRI CHI SIAMO
DA(V)VERO ITALIANO



Condividi!

Il Ciclone – A2

“Il Ciclone” è una brillante commedia del 1996.

Il protagonista si chiama Levante ed è un commercialista che lavora in un piccolo paese della Toscana. Vive in un casolare con il papa Osvaldo, il fratello Libero e la sorella Selvaggia.

L’arrivo di un gruppo di ballerine di flamenco stravolgerà la loro routine quotidiana. Niente sarà più come prima per il giovane Levante. 

Un film simpatico e romantico che, a distanza di anni, riesce ancora a far divertire il suo pubblico.

Consigliamo di vedere questo film da un livello B2 in su!


SCOPRI CHI SIAMO

DA(V)VERO ITALIANO


CONDIVIDI!

La storia della pizza Margherita – A2

Chi non conosce o non ha mai mangiato nella sua vita la famosa pizza Margherita, la più classica di tutte le pizze che la cucina e la fantasia italiana hanno prodotto?

Semplice e al tempo stesso gustosa, non ha bisogno di ingredienti particolari per essere apprezzata da tutti: pomodoro, mozzarella, basilico. Ed ecco la regina delle pizze!

Molto curiosa è la sua storia: la pizza esisteva in Italia (a Napoli principalmente) già prima del 1600 d.C in differenti versioni, ed era popolarissima tra i poveri e tra i ricchi.

Era così conosciuta e famosa che anche il regno dei Savoia (Il Re dei Savoia ha unito l’Italia) l’amava.

Ma come è nata?

La tradizione racconta che il pizzaiolo Raffaele Esposito, nel 1889, ha dedicato proprio alla regina Margherita di Savoia, prima regina del regno d’Italia, una pizza ispirata alla bandiera nazionale, dove il colore bianco era rappresentato dalla mozzarella, il rosso dal pomodoro, e il verde dal basilico. La famosa pizza Margherita!


SCOPRI CHI SIAMO

DA(V)VERO ITALIANO


Il successo è stato immediato, anche se bisogna aspettare la fine della seconda guerra mondiale per avere una vera diffusione della pizza su tutto il territorio italiano, e poi in sempre più paesi, diventando il fenomeno mondiale che è oggi!
Adesso esistono infinite varietà di pizza, e spesso contengono ingredienti molto lontani dalla cucina italiana. In America, per esempio, la pizza con l’ananas è molto comune, anche se criticatissima!